ALTO CONTRASTO -a +A

Giornata del cane guida e progetto SensAzioni Positive

15/10/2014

Comunicato stampa

VIII Giornata Nazionale del Cane Guida
e Progetto “SensAzioni Positive”


Il cane guida, compagno di vita per il non vedente, è l’elemento comune dei due punti all’ordine del giorno di questa conferenza stampa organizzata dalla Cooperativa Sociale IRIFOR del Trentino Onlus.
Domani, 16 ottobre, si celebra infatti l’ottava Giornata Nazionale del Cane Guida, ma il cane guida è anche la mascotte del progetto “SensAzioni Positive”, che la Cooperativa IRIFOR porterà nelle scuole di ogni ordine e grado della provincia.
La Cooperativa IRIFOR sostiene questa Giornata del Cane Guida come occasione per sensibilizzare la popolazione sulla disabilità visiva e sul prezioso servizio che questi animali svolgono per i loro padroni ciechi e ipovedenti. Il cane guida dunque non è solo uno strumento per il disabile visivo, ma diventa un compagno di vita che permette di guadagnare autonomia.
L’utilizzo del cane guida è presente da secoli nella storia dell’uomo: esistono infatti chiari riferimenti ritrovati in pitture e incisioni giunte fino a noi dal XIII secolo, mentre le prime descrizioni sistematiche di un metodo di addestramento in Europa risalgono agli inizi dell’800. Le quattro scuole di addestramento per cani guida a livello nazionale sono: il Servizio Cani Guida dei Lions (Limbiate, MI), la Scuola Triveneta Cani Guida (Padova), la Scuola Nazionale Cani Guida per Ciechi (Scandicci, FI) e il Centro Regionale Hellen Keller (Messina). Questi quattro centri addestrano in media tra i 90 e i 100 cani guida all’anno, un numero del tutto insufficiente rispetto alle richieste a livello nazionale, che costringe moltissimi ciechi e ipovedenti ad attese anche di alcuni anni.
Per questa giornata di sensibilizzazione, l’appello della Cooperativa IRIFOR è rivolto a tutta la popolazione affinché i cani guida vengano accolti con disponibilità, soprattutto nei luoghi pubblici. Non basta infatti fermarsi al parco a fare una carezza a questi docili e affabili animali, ma è necessario che si diffonda una cultura dell’informazione per far capire che questi cani svolgono un vero e proprio lavoro (con tanto di documento di identificazione) per i propri padroni, ai quali prestano i loro occhi permettendo loro di raggiungere ottimi livelli di autonomia, di mobilità e, quindi, di libertà.
È per questo che l’istituzione di questa Giornata Nazionale serve anche a sensibilizzare la cittadinanza e a divulgare i diritti di cui questi animali e soprattutto i loro padroni sono in possesso. La legge a riguardo parla molto chiaro: i cani guida possono - anzi, devono – accompagnare i propri padroni ovunque. E questo ‘ovunque’ è declinabile in maniera davvero assoluta: scuola, università, luoghi di lavoro, esercizi commerciali, mezzi di trasporto, ospedali e qualsiasi altro luogo pubblico, anche laddove è vietato l’ingresso agli animali. Questo perché i cani guida non sono semplici animali da compagnia, ma sono compagni di vita per i non vedenti. Come ha precisato il presidente dell’UICI Barbuto, “l’ingresso rifiutato a un cane guida è come una porta sbattuta in faccia alla persona non vedente”. Anche il codice della strada presta una particolare attenzione ai non vedenti che, ad esempio, in compagnia di cane guida o muniti di bastone bianco, hanno la precedenza nell’attraversamento della carreggiata anche in assenza di strisce pedonali.
La legge dunque è dalla parte del cane guida; questa giornata e l’attività quotidiana della Cooperativa IRIFOR vogliono fare in modo che lo sia anche tutta la società, richiamando la sensibilità, la disponibilità e l’educazione civica di tutti i cittadini.
Per quanto riguarda invece il progetto “SensAzioni Positive”, la Cooperativa IRIFOR quest’anno ha scelto proprio una dolcissima cucciolata di Labrador come mascotte. I musetti di questi cuccioli, che sognano di diventare da grandi dei bravissimi cani guida, sono infatti stampati su magliette, righelli, quaderni e adesivi che verranno distribuiti nelle scuole. Per raggiungere anche i più piccoli, la Cooperativa IRIFOR ha scritto e illustrato una fiaba proprio sui cani guida: “Charlie e Kiro, due cuccioli con un sogno speciale!”.
Questo progetto di sensibilizzazione è giunto alla sua terza edizione, dopo il successo dei primi due anni in cui sono stati coinvolti quasi 600 bambini e ragazzi delle scuole trentine.
Con questi interventi nelle scuole si mira a costruire e rinforzare una cultura inclusiva della disabilità visiva nel mondo della scuola, grazie all’ormai decennale esperienza della Cooperativa IRIFOR nell’assistenza scolastica di alunni ciechi e ipovedenti con le figure del facilitatore della comunicazione e dell’integrazione scolastica e del lettore a domicilio coordinati dall’equipe della Cooperativa.
“SensAzioni Positive” fa parte di una campagna di sensibilizzazione e informazione ben più ampia e si rivela adatto a coinvolgere le nuove generazioni, spesso poco consapevoli delle difficoltà ma anche delle risorse dei disabili visivi. L’iniziativa porta i ragazzi alla conoscenza della vista e della funzione visiva, delle principali patologie dell’occhio, dei rudimenti del codice di letto-scrittura Braille, degli ausili tiflotecnici e delle principali tecniche di orientamento e di accompagnamento. C’è anche modo per tutti gli alunni, grazie all’impiego di bende, bastone bianco e maschere che simulano l’ipovisione, di mettersi concretamente nei panni dei non vedenti per comprendere al meglio la loro condizione.
Il percorso termina poi con l’esperienza del bar al buio a bordo di “Dark on the Road”, durante la quale gli studenti possono confrontarsi con i camerieri ciechi e ipovedenti, raccogliere le loro testimonianze dirette e condividere il loro vissuto.
La Cooperativa IRIFOR punta molto sul coinvolgimento della popolazione e soprattutto delle nuove generazioni poiché la filosofia di base non è quella di chiedere un mondo su misura per i ciechi e per gli ipovedenti, bensì quella di dare gli strumenti a tutti per costruire una società in grado di accogliere al suo interno qualsiasi diversità come ricchezza.

Sulla nostra pagina Facebook alcune foto dell'evento.


 

Vai all'elenco news arrow_forward

 

Consulta l'archivio news arrow_forward