ALTO CONTRASTO -a +A

Occhi e visione - miti e realtà

(tratto da National Eye Institute - National Institute of Health - USA)

Mito: non usare lenti appropriate può danneggiare la vista

Realtà: questa affermazione può essere parzialmente vera solo per un piccolo numero di persone. Quelli che hanno problemi di vista causati da malattie ereditarie o da lesioni dell’occhio non migliorano la loro visione, neanche indossando occhiali.
Alcuni bambini presentano una riduzione della capacità visiva che può essere corretta ed è quindi importante che portino gli occhiali. Occorre peraltro ricordare che le lenti garantiscono la visione ottimale, ma farne uso o meno non condiziona peggioramenti ulteriori della capacità visiva.

Mito: leggere in condizioni di scarsa illuminazione può danneggiare gli occhi
Realtà: leggere in condizioni di scarsa illuminazione può causare affaticamento visivo ma non danni permanenti alla vista.

Mito: guardare la televisione a lungo o da posizioni troppo vicine può provocare danni agli occhi
Realtà: non ci sono prove scientifiche che guardare la TV troppo a lungo o troppo vicino causi danni agli occhi.
I bambini, specie i più piccoli, si siedono spesso a poca distanza dallo schermo perché al contrario degli adulti mettono a fuoco meglio gli oggetti più vicini ai loro occhi. Per questo motivo i bambini tengono anche i libri più vicini al viso rispetto alle persone più grandi. Con la crescita questa abitudine generalmente scompare. Se questo non succede potrebbe essere un segno di miopia. Per accertarlo è opportuno fare un controllo della vista.

Mito: mangiare carote migliora la vista
Realtà: è vero che le carote, come molti altri vegetali, sono ricche di vitamina A (vitamina essenziale per la vista), ma per una buona visione ne bastano piccole quantità: una dieta ben bilanciata – con o senza carote – fornisce tutti i nutrienti di cui il corpo ha bisogno. L’introito eccessivo di vitamine A, D o E può essere pericoloso.

Mito: leggere pagine a stampa con caratteri troppo piccoli può logorare o danneggiare gli occhi
Realtà: questo è senz’altro uno dei miti più diffusi che fa insorgere in diverse persone la preoccupazione di dover limitare il tempo dedicato alla lettura per non “logorare” gli occhi. Certamente la lettura prolungata di stampe a caratteri piccoli può causare la comparsa di affaticamento visivo, ma attualmente non c’è alcuna prova scientifica che ne possa risultare un logoramento o un danno agli occhi.

Mito: portare lenti a contatto può impedire alla miopia di peggiorare
Realtà: la miopia è in genere una condizione ereditaria e dalle lenti a contatto ci si può aspettare solo che migliorino la visione. Le lenti di per sé non possono prevenire il peggioramento della miopia.

Mito: le cataratte possono essere rimosse con il laser
Realtà: la cataratta consiste nella perdita di trasparenza del cristallino (la “lentina” dell’occhio), e va rimossa solo chirurgicamente. Il cristallino viene estratto e poi sostituito con una lente artificiale. Nei casi in cui l’involucro che lo conteneva e che viene lasciato dietro alla nuova lente subisca un processo di opacamento la visione può diventare progressivamente velata. In questo caso l’involucro può essere aperto con l’uso del laser, ma questa procedura non va confusa con quella di rimozione chirurgica della cataratta.

Mito: non si può fare nulla per prevenire la perdita della vista
Realtà: le lesioni agli occhi possono essere prevenute nel 90% dei casi seguendo semplici precauzioni. Sul lavoro, in condizioni di esposizione a polveri, schegge, sostanze chimiche, ecc. curare la protezione degli occhi scegliendo occhiali di sicurezza appropriati e ricordando di indossarli sempre. Se si soffre di diabete o è stato occasionalmente rilevato un glaucoma ricordarsi di sottoporsi a visite di controllo annuali, anche nell’ipotesi in cui non fosse stata indicata la necessità di visite periodiche.