ALTO CONTRASTO -a +A

“Dark on the road”, il camion dove si viene serviti senza luce

Il bar al buio, per “capire” i ciechi

 

Un locale pubblico su ruote allo scopo di far conoscere a quante più persone possibili cosa prova una persona priva del senso della vista nell’effettuare operazioni quotidiane, come ordinare un caffè o sedersi ad un tavolo. È il nuovo “Dark on the road”, un camion roulotte attrezzato come un normale bar, dove però si viene serviti al buio da personale ipovedente. Presentato nella mattinata di ieri dalla cooperativa sociale Irifor, che già gestisce il centro di prevenzione e riabilitazione visiva del Trentino e dell’unità mobile oftalmica, il mezzo è stato realizzato appositamente da un’azienda bolognese, specializzata nella creazione di particolari tecnici e meccanici per le più famose case automobilistiche di lusso.
Il camion, costruito in modo tale da assicurare l’accesso anche ai disabili, accoglie uno spazio interno arredato a esercizio pubblico, con un bancone per il barista, diversi tavoli circondati da panche e uno spazio appositamente pensato per permettere alle persone di sorseggiare una bevanda nel buio più totale. Il veicolo è stato finanziato interamente dalla onlus, anche grazie a numerose donazioni arrivate da associazioni, enti e imprese del territorio.  “Il progetto di dialogare nel buio nasce nel 2003- ci ha spiegato il direttore di Irifor Ferdinando Ceccato- che poi è stato esteso alle cene ad ai concerti a luci spente. Considerato il successo di quelle iniziative, abbiamo pensato fosse utile avere uno strumento per potersi muovere velocemente ed essere presenti in più località possibili. In dodici anni siamo riusciti a sensibilizzare oltre centomila persone. Ora ci aspettiamo di raggiungere un numero ancora superiore di cittadini, spostandoci continuamente di paese in paese”.
Il progetto “Dark on the road” rappresenta un unicum a livello internazionale, dato che, ad oggi, non esiste nulla di simile in nessun altro Paese d’Europa.
per questa ragione, nei prossimi giorni, il camion raggiungerà Roma, facendo sosta in piazza del Parlamento, di fronte a Palazzo Montecitorio.
“Il camion- ha aggiunto Ceccato- è stato progettato in collaborazione con un’officina meccanica specializzata, che ha seguito interamente le nostre indicazioni su come suddividere gli spazi, realizzando alla fine un prodotto perfetto. Il mezzo impiega quindici persone, a rotazione tra i nostri iscritti”.
In occasione dell’inaugurazione hanno provato l’esperienza del bar al buio anche il presidente della provincia Ugo Rossi e il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, che hanno elogiato il lavoro di sensibilizzazione e di prevenzione effettuato da Irifor.