ALTO CONTRASTO -a +A

I LIONS CLUB ILLUSTRANO I PROGETTI

SOLIDARIETà. Domenica in piazza d’Arogno 10 gazebo per altrettanti interventi
Domenica prossima 9 aprile i volontari dei diversi Lions Club del Trentino scendono in piazza per una giornata di informazione sui progetti di solidarietà internazionale avviati dall’associazione umanitaria. L’appuntamento, in piazzetta d’Arogno, in concomitanza con altri eventi simili organizzati in tutto il mondo in occasione del cosiddetto «Lions Day», prevede l’intervento dei responsabili delle differenti azioni benefiche messe in campo dall’ente a sostegno delle popolazioni povere, con approfondimenti e laboratori. Complessivamente, saranno presenti una decina di gazebo, rispettivamente dedicati ai principali «service», ovvero ai progetti di cooperazione allo sviluppo internazionale, attualmente in corso. Tra questi, vi saranno spazi dedicati agli ambiti di maggiore intervento dell’associazione, quali il servizio di prevenzione dei disturbi della vista, la vaccinazione dei bambini contro il morbillo nei luoghi dove non arriva il servizio sanitario, la sensibilizzazione della popolazione nei confronti del diabete.
«L’obiettivo della giornata è quello di promuovere l’attività che i circoli e i club della regione svolgono a favore delle popolazioni più svantaggiate del Pianeta», ha specificato il presidente del comitato organizzativo Vittorio Dusini. «L’edizione di quest’anno – ha quindi aggiunto il coordinatore – è la seconda organizzata nel capoluogo. La manifestazione, indetta a livello internazionale, avviene con modalità simili in altre città d’Italia e del mondo».
Attualmente in Trentino i Lions contano una decina di club, di cui 5 nel distretto di Trento ed altrettanti in quello di Rovereto, per un totale di associati che supera le 500 unità. A queste si aggiungono un paio di associazioni giovanili, denominate «Leo club», a cui aderiscono ragazzi dai 18 ai 30 anni.
Nella giornata di domenica, alla quale sarà presente anche il camion attrezzato dell’Irifor, con l’ormai conosciuto ed apprezzato «Bar al buio», si parlerà di cani guida per ipovedenti, patologie diffuse nel mondo e in Occidente, e iniziative di contrasto nei Paesi in via di sviluppo. Ma non solo: vi saranno infatti stand dedicati alla sicurezza stradale, ai libri ed ai peluches, mentre continuerà la raccolta di occhiali usati (che vengono poi distribuiti a chi ne ha più bisogno), avviata con successo da diversi anni a questa parte.
Per promuovere una cultura di prevenzione e degli stili di vita sana, sono inoltre previste delle visite oftalmiche su un’unità mobile specializzata, e dei controlli glicemici gratuiti per tutta la cittadinanza.
La giornata avrà inizio alle 9 e si concluderà alle 17. Le visite di oftalmologia sono previste solamente la mattina (in orario 9.30-12.30).