ALTO CONTRASTO -a +A

Arriva il villaggio della solidarietà

Tornerà domani in piazza Duomo la seconda edizione del “Lions Day”, l'evento promosso dall'associazione “Lions” che in Trentino Alto Adige è nata del 1954 e ad oggi conta 650 soci suddivisi in 22 club. Un appuntamento che vuole legare al territorio una delle maggiori associazioni che si occupano di diffondere cultura e sostegno a chi ne ha più bisogno.
A presentare l'iniziativa sono stati ieri Vittorio Dusini, Franco De Toffol, Tiziana Pagnozzi e Germano Gasperotti. In piazza Duomo verrà allestito un suggestivo “villaggio” di gazebo dove i cittadini, tra le diverse proposte, potranno conoscere i tantissimi progetti che l'associazione sta portando avanti per la comunità e per le persone che vivono in zone disagiate del nostro mondo.
Saranno allestiti undici gazebo in piazza per presentare le iniziative, da quelle portate avanti sulla sicurezza stradale, gli scambi giovanili, la prevenzione sanitaria e l'aiuto ai bambini in tutto il mondo. Non mancheranno anche quest'anno alcuni servizi e alcune attività che verranno messe a disposizione dei cittadini.
Le persone, infatti, potranno usufruire gratuitamente delle visite oculistiche e dei controlli dell'udito e comprendere le disabilità all'interno del “bar al buio”, curato dalla cooperativa Irifor.
Si potrà poi provare un simulatore di guida in stato di ebrezza e sarà presente una bancarella di libri usati. L'associazione “Lions”, è conosciuta in tutto il mondo grazie ai diversi progetti che sono portati avanti e alla ramificazione dei propri club. Porta avanti progetti, tra i quali la protezione dell'ambiente, la lotta alla fame, l'assistenza ad anziani e disabili.
Sempre all'interno del “Lions Day” ci sarà la presentazione dell'uso del bastone elettronico “Bel” per le persone non vedenti e due saranno donati a delle studentesse trentine. Ci sarà poi una esibizione di un cane guida per ciechi con istruttore e in mattinata, in piazza D'Arogno, si svolgerà la cerimonia di consegna del modello in bronzo della città realizzato dagli alunni della scuola d'arte Vittoria alla presenza dell'Arcivescovo emerito Luigi Bressan. Due progetti molto importanti che saranno presenti in piazza saranno la raccolta degli occhi usati che dopo essere stati sistemati vengono distribuiti nei paesi in via di sviluppo per aiutare chi ha problemi di vista e la raccolta di fondi per combattere il morbillo, malattia ancora mortale in diversi paesi del mondo per la quale si conta la morta di 400 bambini al giorno. Nel pomeriggio la giornata del “Lions Day” si chiuderà con l'esibizione della banda “Giuseppe Verdi” di Montecchia di Crosara.