ALTO CONTRASTO -a +A

Presentazione della nuova banconota da 10 euro

(tratto da “Sesto Senso” – dicembre 2014)

Fra le iniziative volte ad accrescere l’autonomia dei ciechi e degli ipovedenti va segnalato l’incontro organizzato dalla nostra Sezione, in collaborazione con la Cooperativa Sociale IRIFOR del TRENTINO Onlus e la Banca d’Italia, nel pomeriggio di giovedì 24 settembre su un tema di particolare rilevanza.
Il giorno 23 dello stesso mese è infatti entrata in circolazione la nuova banconota da 10 euro, evento che segue l’immissione di quella da cinque, e che precede la graduale comparsa degli altri tagli.
Il dr. Paolo Ciucci, Direttore della Filiale di Trento, ha introdotto l’incontro sintetizzando i servizi offerti dalla Banca d’Italia, che sono molteplici e che spaziano in vari settori: dalla vigilanza sul sistema bancario italiano, alle verifiche sulla sicurezza delle banconote, ai servizi di tesoreria per lo stato, per finire alle attività di ricerca e molto altro ancora.
Sono intervenuti quindi altri due funzionari della Filiale cittadina, rispettivamente per trattare la storia dell’uso della moneta e della banconota e per introdurre il tema centrale dell’incontro riguardante appunto le novità sull’Euro.
Tutti i presenti hanno potuto tenere fra le mani un’esemplare dei nuovi 10 euro e verificarne le caratteristiche. Si è ad esempio constatato che il materiale è costituito da una carta cotonata, che aumenta la resistenza delle banconote e ne limita l’usura e che una particolare tecnica di stampa rende i vari elementi tattili e visivi più percettibili. Inoltre sono state descritte le caratteristiche che dovrebbero impedire il fenomeno della contraffazione e facilitare le persone nel riconoscere le banconote false.
In sostanza si può affermare che l’attenzione iniziale dell’Unione Europea, nel venire incontro alle esigenze dei minorati visivi al momento della definizione delle caratteristiche delle monete e delle banconote, sta continuando a portare i suoi frutti rendendo l’Euro un esempio unico in fatto di accessibilità.
(Luciana Brida)