ALTO CONTRASTO -a +A

PARENT TRAINING

Tecniche e strumenti per un approccio proattivo alla disabilità visiva

“Parent Training” è il titolo del percorso formativo che la Cooperativa Sociale IRIFOR del Trentino Onlus ha rivolto a familiari o operatori che hanno a che fare quotidianamente con persone cieche o ipovedenti.
Il percorso, iniziato ad ottobre e conclusosi agli inizi di dicembre, fa parte del ben più ampio progetto della Cooperativa IRIFOR volto a sensibilizzare la popolazione in merito al tema della disabilità visiva. L’obiettivo, oltre a quello di contribuire alla costruzione di una società che possa superare gli stereotipi legati a questa specifica disabilità, è quello di fornire strumenti e informazioni relativamente ad alcuni aspetti della vita di tutti i giorni e alle difficoltà che un cieco o un ipovedente, acquisiti o congeniti, possono incontrare, ma che grazie all’attivazione di risorse interne e di contesto sono in grado di superare.
Il corso, della durata di dieci incontri serali, ha riscontrato un notevole interesse per i temi trattati, che hanno spaziato dall’oculistica e dall’ortottica, fino agli aspetti psicologici legati alla disabilità visiva e agli elementi di orientamento e mobilità, oltre che a una serie di informazioni relative ad ausili e tecniche di accompagnamento.
Durante il percorso ci sono stati momenti di lezione teorica da parte dei docenti della Cooperativa IRIFOR intervallati da prove pratiche svolte dai corsisti e hanno trovato ampio spazio tutti i dubbi, le domande e le curiosità emersi in itinere. Questa serie di lezioni ha fornito gli strumenti per un primo approccio ai principali argomenti relativi a cecità e ipovisione, data anche la limitata durata totale del corso, ma i partecipanti hanno sicuramente arricchito il proprio bagaglio personale con alcune utili nozioni da applicare quotidianamente sul campo, per supportare e stimolare al meglio i propri cari e svolgere la funzione di caregiver.
La Cooperativa IRIFOR punta dunque con queste iniziative a favorire la conoscenza della disabilità visiva per fare in modo che le informazioni acquisite si trasformino in azioni concrete e applicabili in ogni ambito di vita.
(Irene Matassoni)